Regione Lazio,biblioteche Lazio,catalogo,OPAC,ebook,libri,lettura,ebook,wifi in biblioteca,Viterbo,Rieti,Roma,Latina,Frosinone,Bassa Sabina,Monti Lepini,Valle del Sacco,Bolsena,Sud Pontino

Comunale di Ladispoli "Peppino Impastato"

Via Caltagirone, snc

- 00055 - LADISPOLI

06 99231672-675-676

06/99223627

Orari

ORARIO DI APERTURA

dal 01/01 al 31/12

Lunedì:
9.00 - 14.00  / 15.00 - 18.00
Martedì:
9.00 - 14.00  / 15.00 - 18.00
Mercoledì:
9.00 - 14.00  / 15.00 - 18.00
Giovedì:
9.00 - 14.00  / 15.00 - 18.00
Venerdì:
9.00 - 14.00  / 15.00 - 18.00

Servizi

Rete D-Link Password: ladispoli2013

Accesso disabili: Accesso totale

  • Ascensore

Altre informazioni:

La biblioteca osserva un periodo di chiusura estivo solitamente nella seconda metà di agosto. I prestiti, le restituzioni e le iscrizioni si effettuano la mattina entro le ore 13.00, il pomeriggio entro le ore 17.30. Si effettua il servizio di prestito interbibliotecario per accedere al quale è necessario recarsi in biblioteca e compilare l'apposito modulo di richiesta (rivolgersi alla Sig.ra Elisabetta Matticoli: elisabetta.matticoli@comunediladispoli.it Tel. 0699231676). All'esterno della biblioteca, sulla sinistra, è posto un box rosso dove è possibile inserire ilibri da restituire quando la biblioteca è chiusa.

La Biblioteca Comunale viene aperta a Ladispoli il 25 aprile 1980. Nasce per la volontà dell'allora sindaco Crescenzo Paliotta, con poco più di mille volumi, capitati, si può dire un po' per caso. Fu scelta una sede non grande ma di sicuro impatto sulla gente, i locali erano infatti situati sul viale principale della città. Il personale, tutto giovane, contava 5 elementi.
Sono trascorsi 35 anni, la biblioteca ha cambiato sede 2 volte, si è trasferita dapprima in via Milano dove ha trascorso 13 anni e successivamente, dal 10 maggio 2003 in via Caltagirone.
La nuova sede, posta in un edificio grande e luminoso, è disposta su due piani. L'aspetto pionieristico dei primi anni 80 è un lontano ricordo; oggi ci troviamo di fronte una biblioteca che segue parametri moderni per acquisizioni e servizi, con oltre 9000 iscritti.
Fa parte del Sistema Bibliotecario Ceretano-Sabatino, che comprende oggi altre 9 biblioteche del comprensorio, con cui avvengono collaborazioni e scambi di progetti. Il suo patrimonio librario e audiovisivo è consultabile on-line attraverso l' Opac della Sapienza e l'ICCU.
Sono a disposizione dell'utenza le seguenti sezioni specializzate: storia e documentazione locale, testi e manuali per l'università, ambiente, mafia, scaffale inteculturale, videoteca, libri antichi, sezioni ragazzi. Fa parte del progetto Biblioteche del Mondo, promosso dalla Provincia di Roma, ed è stata scelta dalla Regione Lazio per partecipare al progetto “Biblioteche contro le mafie”.
Dal 20 Febbraio 2010, la Biblioteca è stata intitolata a Peppino Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978.